News
mar 5 mag 2015
Al Piccolo

Per uno che ha cominciato a recitare al teatro dell’oratorio del Duomo, a Trento, (e nemmeno con tanta convinzione, almeno all’inizio) arrivare al Piccolo di Milano da grande, nel camerino del primo attore, anche se solo per una settimana e nove repliche, può far girare la testa.

Ricordo che la prima sera, quella del debutto, mi tremavano leggermente le ginocchia se pensavo a dove mi trovavo. Ero nel tempio del teatro italiano: in quel camerino, dove io mi sentivo un curioso estraneo, erano passati tutti i più bei nomi del teatro, i mostri sacri. La domanda che mi venne spontanea era quella che si pose Bruce Chatwin ormai tanto tempo fa: "Che ci faccio io qui?". Andavamo in scena con “La rosa bianca” di Lillian Groag, regia di Carmelo Rifici, spettacolo prodotto dallo stabile di Bolzano. Io ero il cattivissimo e vigliacco ispettore Mohr, capo della Gestapo di Monaco e accanto a me un cast di splendidi giovani attori: Irene Villa, Pasquale Di Filippo, Gabriele Falsetta, Alessio Genchi, Enrico Pittaluga (nella foto sotto), Tindaro Granata e Christian la Rosa. Nove sere al Piccolo Teatro Grassi di Milano, quello di via Rovello, per intenderci, sempre tutto esaurito.

Adrenalina a fiotti, emozioni indimenticabili. Uno spettacolo, duro, incisivo, crudele e commovente che in Trentino abbiamo rappresentato solo a Spiazzo Rendena. Pensate un po', anzi lo ripeto: Spiazzo Rendena. Per chissà quale mistero, in Trentino, alle "menti" preposte a gestire le rappresentazioni teatrali lo spettacolo che il Piccolo di Milano aveva fortemente voluto, non interessava... Forse dovevamo vestirci da schutzen?

Il motivo di questo ostracismo non è mai stato chiarito. Mi sono trovato davanti, sospetti, imbarazzi, mezze ammissioni, dilettanti invidiosi, connivenze e molto scaricabarile. Ad andarci di mezzo, come sempre succede in questi casi, il pubblico trentino il quale -per colpa degli stessi che dicono di prendersene cura- si è trovato orbato di uno dei più belli spettacoli che io abbia mai fatto. Bravi. Complimenti

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,734 sec.

Social