News
ven 19 giu 2020
Dopo la prima...

Il Sociale dopo (?) il virus: 18 giugno 2020.

foto di Sara Sciortino alle prove


E' stata una forte emozione che mi ha portato ad una calma irreale. Io e il mio amico Emanuele Dell'Aquila abbiamo svolto il nostro compito con tranquillità ed energia. Lui bravissimo alla chitarra, io sudando in quella giacca grigia da ragioniere. Il pubblico, distanziato e mascherinato osservava attento e si divertiva. Quello che più mi pareva strano era vedere certe mascherine senza capire il loro sorriso... alcuni l'avevano abbassata, ma tanti se la sono tenuta, li sentivo, ma non vedevo la bocca. Comunque l'elemento femminile è sempre preponderante tra il mio pubblico e questo non mi dispiace, perché le donne sono sempre un passo o due davanti... Ho visto tanti amici, con i quali avrei anche voluto fermarmi di più, ma non era possibile. Peccato che al momento di salutarci sono comparsi alcuni personaggi che non mi garbano affatto, ma non ho permesso loro di intaccare la mia soddisfazione.
Il tempo ha tenuto, anche troppo: mezza piazza, quella allo scoperto, non è stata venduta perché le previsioni dicevano pioggia. Peccato che non si siano subito attrezzati per rimediare, ma sarà per la prossima volta.

foto di Romano Magrone

A parte tutto vedere in prima fila, anche se recito senza occhiali, Gios Bernardi, 97 anni, papà di Marco, che guardava divertito è stata una grande soddisfazione...
Devo portare in giro questo spettacolo, lo sento, ma per ora la situazione resta difficile... chissà che forse con il Coordinamento Teatrale Trentino non si possa fare qualche piazza tipo Pergine, Mezzolombardo, Tione... Vedremo.


DOPO LA SECONDA


19 giugno 2020


Direi perfetta questa. Magica. Davvero la migliore di tutte, anche di quelle di Bolzano forse. Pubblico calorosissimo (nonostante il clima) e noi due tranquilli, sciolti in ogni passaggio, direi naturali. I raccordi con Emanuele filano via che più spontanei di così proprio non si poteva, come due amici che scherzano a prendersi in giro. Bello! Io ancor di più padrone del palco, mi sento a casa e me la godo. Bene. Son contento. Tanti applausi a scena aperta e i presenti si divertono. Così doveva andare, finalmente.

MoniQue foto

DOPO LA TERZA


20 giugno 2020

Quando si raggiunge la perfezione è difficile ripetersi, comunque il pubblico -che non è quello di ieri- reagisce bene e noi portiamo a termine la replica in modo più che buono, con dei bei momenti di teatro che sono apprezzati. Tanti applausi alla fine. Il bar adiacente all'entrata disturba: fanno le pulizie con la radio accesa. Nonostante le frequenti preghiere del personale del teatro preoccupato per chi ha pagato un biglietto, gli arroganti non recedono e continuano. Lo fanno apposta, i cafoni. Sul palco, per fortuna loro, non sentiamo tanto i rumori, ma in sala, soprattutto a metà, sì. Peccato, anche se i bifolchi fanno parte delle inevitabilità della piazza, considerando che gli ignoranti e maleducati oggidì proliferano come scarafaggi... Bene.
Ora so quale bar cancellare (per il nome scrivetemi privatamente) dalle frequentazioni mie e dei miei amici (che sono tanti). Basta andare un po' più in là dove ce n'è un altro attaccato e sono simpatici. Sorridono, gentili ed educati.
Per il resto è andato tutto a meraviglia!

DOPO L'ULTIMA



La quarta sera va molto bene, anzi benissimo. Appena sotto i vertici toccati venerdì alla cui serata diamo il primo posto in classifica. Bel pubblico, sano, affettuoso e tanti applausi. Emanuele ed io siamo in palla e filiamo sicuri.
C’è parecchia gente e gli applausi alla fine sono lunghi.
Finito. E adesso?

Romano Magrone

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,125 sec.

Social