News
mer 3 lug 2019
Basso

Gran festa ieri 4 luglio 2019 nelle Dolomiti di Brenta, al rifugio Pedrotti-Tosa. Giornata che sarà uno dei più bei ricordi di questa estate. Per celebrare i 120 anni dalla prima ascensione del Campanil Basso (Ampferer e Berger). Ma prima di loro tentarono i trentini Garbari, Povoli e Tavernaro che dovettero arrendersi a 15 metri dalla vetta… Ho letto parte dei resoconti di questi pionieri. Grazie alla guida alpina Franco Nicolini!

"12 agosto 1897: erano le sette di mattina. Con Antonio Tavernaro e Nino Povoli scendevo dal rifugio della Tosa verso la valle dei Massodi per costeggiare la Brenta Alta. Inizia così il racconto di Carlo Garbari. Ora –prosegue- stavamo di fronte ad una liscia parete con la stratificazione inclinata verso di noi in modo che i radi e minuti appigli non offrivano alcun sostegno alla mano. Tavernaro tentò di salire per primo, si alzò sopra di noi un due o tre metri, indi dovette scoraggiato desistere, causa la sua piccola statura come diceva lui. Subentrò il Nino il quale si accinse al lavoro con la massima cautela. Si inerpicava adagio adagio il bravo ragazzo su per la difficile parete che da basso si giudicava quasi insuperabile, e lì, sospeso a quelle rocce dava prova di quanto valessero l’energia, la volontà e la forza. Noi di sotto silenziosi seguivamo ogni sua mossa, trepidanti per lui e per la riuscita della nostra impresa."

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,578 sec.

Social